Stagione 2016/2017
 

Catch Rugby
OBIETTIVO META, IL RESTO NON CONTA!!!

siamo su facebook cercateci sotto catchweb.net e cliccate mi piace

 

 

Se ti piace il sito bastano 5 euro per un anno intero il 2017
senza password o registrazioni grazie...
non abbiamo finanziamenti pubblici tutto sulle nostre spalle
grazie a tutti per le donazioni ciuaooooooooo


  - 23.04.2017

I blucelesti domano Viterbo e salgono al settimo posto

Ritorna alla vittoria l’Amatori Parma che alla Cittadella del Rugby sconfigge agevolmente i laziali dell’Union Rugby Viterbo. 47 a 12 il punteggio finale con 7 mete segnate tra cui la doppietta di Tommaso Rossi in una partita dominata in mischia e tocche dall’inizio alla fine con buoni palloni di qualità serviti alla linea arretrata. Di Amin Fawzi, Calì, Balestrieri e Dallatomasina le altre mete oltre a quella di capitan Carra che corona la sua prestazione con un 100% dalla piazzola.

Con la vittoria di oggi i blucelesti si riprendono nuovamente la settima posizione a spese del Florentia, sconfitto oggi a Perugia. Prossimo appuntamento per i ragazzi di Viappiani domenica prossima con l’ultima trasferta stagionale a Cesena contro il Romagna che precede i blucelesti al sesto posto con 8 punti di vantaggio. 

Amatori Parma – Union Rugby Viterbo                47-12     (pt 21 - 5)

Marcatori: Pt. 6’m Amin Fawzi tr Carra, 18’m Rossi tr Carra, 22’m Mischia Viterbo, 36’m Calì tr Carra; st. 45’m Carra tr Carra, 65’m Rossi tr Carra, 70’m Balestrieri, 77’m tr Viterbo, 80’m Dallatomasina tr Orsenigo.
Amatori Parma Rugby: Orsenigo; Cantoni, Carra (cap.) (63’Pietroni), Balestrieri, Letizia; Mordacci, Ciccarelli; Ciasco (57’Dallatomasina),Chiesi,  Andreozzi; Rossi (63’Corradi), Amin Fawzi (44’ Zanacca); Calì (69’Musi), Gatti (55’Saccò), Bertozzi (55’Visentin). All. Viappiani.
Union Rugby Viterbo: Andreoli (47’ Oguntimirin); Saccà, Basili, Agostini, Pompei; Menghini, Bonucci; Petroni, Forti, Santucci; Porchiella, Capati; Raschi (51’Pedullà), Borgatti (cap.) Mariottini (63’Meo). All.: Scorzosi
Arbitro: Federico Vedovelli (So)
Punti conquistati in classifica: Amatori Parma 5; Union Rugby Viterbo 0
Note: Osservato un minuto di silenzio in memoria del ciclista Michele Scarponi, morto ieri durante un allenamento

Vittoria e bonus a Piacenza per l'Amatori Parma Rugby, l’under 16 bluceleste conquista il Trofeo dell’Appennino

Vittoria doveva essere e vittoria è stata a Piacenza per l’under 16 di Piovan e Grasso che con i 5 punti di oggi fa suo il campionato under 16 elite, portando nella bacheca di Moletolo il Trofeo dell’Appennino, alloro conquistato dalla società del presidente Andrea Bandini l’ultima volta nel 2013.

Vittoria sudata e meritata che arriva solo all’ultima giornata, al termine di uno dei campionati più equilibrati degli ultimi anni dove fino a due giornate ancora 4 squadre erano in corsa per conquistare l’ambito trofeo. Vittoria del gruppo, capace di non esaltarsi per le vittorie, di non abbattersi per le poche sconfitte subite e di correggere i propri errori di gioventù. Vittoria di un gruppo compatto e unito, insieme fin dal minirugby, maturato sotto la guida di Riccardo Piovan e da quest’anno anche da Antonio Grasso, tornato in panchina ad allenare dopo alcuni anni di riposo.

Nonostante la vittoria del campionato con soli due punti di vantaggio sui Cavalieri Prato Sesto secondo classificato, impressionante il ruolino di marcia di Granieri e compagni che concludono con 15 vittorie su 18 gare, di cui 13 vinte conquistando anche il bonus offensivo, Tre 3 sconfitte di misura dove ha comunque conquistato il bonus difensivo, miglior attacco con una media di oltre 5 mete segnate a partita e miglior difesa del campionato.

Grazie alla vittoria del Trofeo degli Appennini, l’Amatori entra di diritto tra le quattro formazioni italiane che si giocheranno la vittoria del campionato nazionale con i blucelesti che giocheranno probabilmente domenica 7 maggio contro l’Unione Rugby Capitolina, vincitrice del Trofeo dei Tre Mari, il girone meridionale del campionato under 16 nazionale.

 

- 02.04.2017

Paspa Pesaro Rugby ci crede ancora. E' vittoria sul Gran Sasso

 Una vittoria contro il Gran Sasso per 18-11 che la dice lunga sulla voglia della Paspa Pesaro Rugby di rimanere in serie A. Dopo il pareggio di Noceto arriva un successo che è ossigeno puro per la classifica e per il morale dei ragazzi. Un successo che non permette alla squadra di abbandonare l'ultimo posto in classifica, ma l'avvicina a due e tre lunghezze rispettivamente a Capitolina e Noceto. E domenica prossima Pesaro sarà di scena a Roma proprio contro la Capitolina. Pesaro troverà di fronte a sé una squadra ferita, ma quanto meno ci arriverà convinta di poter dire la sua, con un'altra partita, dopo quella di domenica scorso, in cui i pesaresi sono riusciti a risollevarsi dopo la meta subita in avvio.

Contro Gran Sasso pian piano Pesaro ha rialzato la testa e nonostante un primo tempo in cui ha faticato tantissimo, commettendo tanti avanti e con una touche in grande sofferenza, è riuscita a accorciare le distanze con il piede di Micheli preciso dalla piazzola. Se nel primo tempo Pesaro non riesce a raccogliere quanto meriterebbe, ci riesce nel secondo, dove i ragazzi di Edmond sono bravi a continuare a costruire gioco riuscendo a punire gli avversari con due mete del georgiano Jashitashvili una al 66' ed una al 78', quando Gran Sasso era in 14 a causa dell'espulsione diretta di Anibaldi. Resta il tempo per il Gran Sasso di accorciare le distanze con un calcio piazzato, ma non c'è abbastanza tempo per costruire l'azione che gli consentirebbe la vittoria. E' Pesaro ad uscire dal campo con le braccia alzate e la consapevolezza di potersela giocare alla pari contro chiunque.

 PASPA PESARO – GRAN SASSO 18-11

Marcatori: 6' m Do Toit, 12 cp Micheli, 26' cp Du Toit, 40' cp Micheli, 26' m Jashitashvili, 40' m. Jashitashvili tr. Micheli, 39' cp Du Toit

Paspa Pesaro: Martinelli, Jaouhari, Sabanovic, Spinelli, Nardini, Micheli, Cardellini, Villarosa, Campagnolo, Antonelli, Battisti, Del Bianco, jashitashvili, Fagnani, Solari All. Edmond A disp. Pozzi, Galdelli, Sanchioni, Cecconi, Piccioli, Panzieri, Gai, Incarbone

Gran Sasso: Du Toit, Guimaraes, Caione, Feneziani, Anibaldi, Fidanza, Abgelone, Di Cicco, Lofrese, De Rubeis, Fiore, Di Cesare, Guerriero, Ciancarella, Paolucci All. Iannucci A disp. Iezzi, Mandolini, Tresca, Cecchetti, Di Febo, Suarez, Mistichelli, Marchetti

Arb. Masini (Roma), guardalinee Caprini e Gatta (Pesaro)

Note: espulsione diretta al 34' Anibaldi

Spettatori: 400

 

 

 


- 07.03.2017

Clanis Rugby Cortona, uno sguardo al suo futuro

Lo sappiamo, il rugby non è certo tra gli sport più seguiti nel territorio. Ma è altrettanto innegabile che il movimento rugbystico italiano e l’interesse verso la palla ovale, siano in continua ascesa. 
La crescente passione per questo sport ha raggiunto anche le piccole comunità dando vita ogni anno alla creazione di nuove squadre.
Squadre che, come spesso accade, in assenza di veri e propri impianti da rugby, si ritrovano a dover chiedere ospitalità a società calcistiche per potere alimentare la propria attività.
Questo è il caso del Rugby Clanis Cortona. Formatasi quasi per gioco nel
2005 è riuscita, nel tempo, grazie alla determinazione e alla passione dei suoi componenti, ad allargare il proprio movimento. Dal 2012 la squadra partecipa regolarmente al campionato di Serie C Toscana alimentando, con risultati di anno in anno migliori, l’interesse per questo sport nella comunità cortonese.
Le Donne Etrusche, franchigia femminile creata in collaborazione con Perugia e Siena, militano da due anni nel massimo campionato nazionale e portano alto il nome di Cortona in tutta Italia. Inoltre, in passato, le Lady Clanis si sono distinte per risultati a livello sia regionale che nazionale raggiungendo più volte le finali nazionali di Coppa Italia Femminile di rugby a 7. Tutto questo ha contribuito a creare attorno al rugby, e al Clanis stesso, un’attenzione particolare che ha spinto la società di Cortona a fare importanti investimenti di propaganda per allargare il proprio bacino di utenza. L’importante e duro lavoro svolto nelle scuole del territorio, in particolare con gli Istituti Comprensivi Cortona 1 e 2, ha permesso a ragazzi di scuole elementari e medie di avvicinarsi al rugby e di conseguenza la formazione di squadre juniores under 10 e 12. Non meno importante è la collaborazione con il Vasari Rugby Arezzo con la quale, grazie ad un’unione di forze, è stata creata una franchigia under 16, la Vasari ARCO.
La risposta all’offerta sportiva del Clanis Cortona è stata sicuramente positiva e le iscrizioni ai corsi di rugby sono aumentate in maniera più che soddisfacente negli ultimi anni. Sono più di 50 i ragazzi che militano nelle varie selezioni juniores oltre a quelli che, periodicamente, grazie ai progetti con le scuole, orbitano intorno alla società. Numeri che, se sommati a quelli delle squadre seniores, diventano decisamente importanti.
Una simile affluenza richiede però spazi e strutture adeguate per poter svolgere regolarmente le attività in programma. Ad oggi le squadre del Rugby Clanis si allenano nel campo di Tavarnelle, grazie all’ospitalità concessa dalla Polisportiva Val di Loreto. Una convivenza che, a volte, dati gli impegni concomitanti delle due società sportive, impedisce il regolare svolgimento di allenamenti e tornei. In queste condizioni gestire una tale affluenza diventa complicato. Dare continuità a un progetto, in un ambiente che, per motivi logistici, non può garantire una regolare gestione della crescita non è certo facile.
Dunque, quale futuro per il Clanis? La volontà e il desiderio della società sono chiare, la necessità di un impianto sportivo adeguato e interamente dedicato al rugby diventa una necessità per non vanificare il lavoro e gli investimenti degli ultimi anni. L’obiettivo è quello di poter creare una vera e propria “casa del rugby” che possa accogliere atleti e famiglie, ospitare tornei ed organizzare eventi legati al mondo della palla ovale. La richiesta è stata fatta e presa in esame da chi di competenza con la speranza che, al momento di una decisione, si tenga conto che Il Rugby Clanis Cortona rappresenta per il territorio un’importante alternativa non solo sportiva, ma anche sociale.

Ufficio Stampa Clanis

 

 

Club storici Italiani
per non dimenticare... squadre seguite da CW

 


SKG GRAN PARMA


RUGBY PARMA 1931

Se ti piace il sito bastano 5 euro per un anno intero il 2012
senza password o registrazioni grazie..

www.catchweb.net